Voglio andare a vivere su Medium

MediumIn 140 caratteri: Medium è sicuramente la nuova frontiera per la pubblicazione dei contenuti, ma resta del lavoro da fare
Tweet this!

Con Letizia, appena abbiamo un po’ di tempo, cerchiamo di studiare come funziona e come sta evolvendo Medium.

Lei scherzando, ma non troppo, dice «Voglio andare a vivere su Medium».
E non ha tutti i torti, perché è sicuramente la frontiera della sperimentazione sul modo di lavorare con i contenuti in questi anni.

Ci sono diverse cose che mi piacciono, al di là dello spettacolare editor per scrivere e pubblicare. E al di là del fatto che oggi gli smart guys sono tutti lì. La prima è questa: prova a cercare la data dei post. È talmente marginale che indica una prospettiva: lì si scrivono cose destinate a durare e a essere lette (e ricondivise) nel tempo.

Poi ci sono le statistiche, che indicano le visite e soprattutto le letture effettive. E l’ambiente in generale che è caldo e accogliente. E le collezioni. Poi la possibilità di aggiungere link correlati sotto i post. O la possibilità di commentare i singoli paragrafi.
E, ancora, tantissime piccole raffinatezze che fanno la differenza.

Il problema, secondo me (ma magari sono io che non ho capito qualcosa), è che non hanno ancora trovato un modo davvero efficiente per gestire la navigazione tra i contenuti, all’interno di Medium.
Guardando le statistiche, l’intervista con Ted, che ha girato molto negli USA, fa comunque affidamento alle condivisioni su Twitter e Facebook. La «scoperta» e l’organizzazione dei contenuti, secondo me sono assai migliorabili. Anche se sono basate su chi segui su Twitter e Facebook (oltre che alle collezioni cui sei icritto). E anche se la mail che ti manda la piattaforma è spesso piena di contenuti rilevanti.

Tuttavia va detto che da un po’ le cose più interessanti si leggono lì. E i ragazzi di Medium stanno facendo evoluzioni continue. E ora forse l’introduzione del “follow” risolverà questo problema, lo sta già facendo in parte. È comunque interessante vedere come stanno lavorando.

Quindi, se anche tu stai giocando con Medium, Ecco qualche lettura utile. La prima è relativa alle notifiche via email e alle newsletter: Email from Medium.
La seconda riguarda il manuale di stile: Medium Style Sheet.

Ma soprattutto questo post @ev (il fondatore): Help Me Design Medium.

Questa voce è stata pubblicata in Digital literacy, Journalism, Publishing, Storytelling, Writing. Aggiungi ai segnalibri il permalink.