Mamma, mi si è rotta la scuola

«La nuova cultura», scrivevo qualche giorno fa «deve essere ancora codificata e distribuita dal centro (quello che la fa) alle periferie (quelle che devono imparare a viverci dentro)».

Il problema è che il centro, oggi, se vogliamo, non è più l’Istituzione o l’industria culturale, ma quello spazio indefinito in cui l’innovazione lavora a ritmo incessante per cambiare il modo in cui la nostra cultura sta funzionando.
E l’Istituzione, il sistema educativo che dovrebbe insegnarci anche la contemporaneità, non fa in tempo a sistematizzare e distribuire le nuove competenze di information literacy che oggi fanno parte dell’alfabetizzazione di base.

Io cito spesso un video famoso che in poche parole descrive benissimo la situazione: «stiamo formando studenti per lavori che ancora non esistono e che useranno tecnologie che non sono ancora state inventate». Brutale, ma efficace.

Negli Stati Uniti, però, nel mondo dell’istruzione stanno accadendo parecchie cose. Intorno ai MOOC (ne avevo scritto tempo fa sull’Espresso di carta) si sta sviluppando una discussione molto interessante.

Le conclusioni sono lontane, ma c’è abbastanza da leggere. «Il nostro sistema educativo», scrive Neeven Jain su Forbes, «magari non è rotto, ma sicuramente è diventato obsoleto». E propone un lungo ragionamento su cui vale la pena riflettere.

Il titolo è: Creating Adaptive, Personalized, Effective and Addictive Education System for the Next Century.

Poi c’è un altro pezzo interessante, di Paul Champion. Anche Paul frantuma il bersaglio su una riflessione più urgente e necessaria. «È sorprendente», scrive citando Daphne Koller, «come ancora stiamo insegnando agli studenti le cose nel modo che abbiamo usato negli ultimi 300 anni».

Leggi tu stesso e fatti un’idea: The End of Education As We Know It.

Io non ho un’opinione definitiva, ma posso metterci i miei due centesimi. Resto convinto che, su buona parte del cambiamento che stiamo vivendo, la responsabilità della comprensione torni sull’individuo. E non è facile.

Ma è ancora meno facile se pensiamo ai giovani e a come vengono formati. Difficilmente il sistema scolastico e universitario li formerà sulla cultura digitale e ancor più difficilmente li renderà competitivi nel mondo del lavoro del XXI secolo.

Il rischio è che alla fine si crei un forte dislivello tra una maggioranza mediamente disinformata e coloro che hanno una famiglia alfabetizzata (che sa quindi istruirli e dar loro la giusta mentalità) o che incontrano qualche insegnante illuminato.

C’è un problema profondo di design strutturale del sistema educativo in un mondo che è cambiato e continuerà a cambiare. Ma l’istruzione resta cruciale e probabilmente anche in Italia -guardando a ciò che accade negli USA- si dovrebbe provare ad alzare l’asticella del dibattito e, magari, ricominciare a investire sui giovani cambiando anche qualche paradigma.

Questa voce è stata pubblicata in Education, Future. Aggiungi ai segnalibri il permalink.

One Response to Mamma, mi si è rotta la scuola

  1. Pingback: Perché i MOOC potrebbero rendere obsolete le Università » Giuseppe Granieri

I commenti sono stati chiusi.