Intelligenza artificiale, Giornalismo, La Vita e tutto il resto. Ma tu ce l’hai la risposta a questa domanda?

Ethobiome In 140 caratteri: «Era ancora vita umana quella di chi affidava la sua serenità alla tecnologia?» Tweet this!

C’era quella vecchia cosa per cui se non lo blogghi non esiste. Il che è vero, perché anche se oggi è su Facebook che accadono le cose, alla fine la traccia rimane qui.
Per questo, suppongo, mi perdonerete la ripetizione (con i dovuti aggiornamenti del caso).

Facebook Reloaded

il post su Facebook, un po’ giocoso un po’ alla Homer Simpson non lo ricopio tutto:

Come si suol dire, “non darmi un post, dammi una lista”.

1. Non pubblico nulla dal 2009, pur avendo un contratto con un grande editore per un saggio che avrei dovuto consegnare due anni fa e che non ho mai inziato. La cosa di “pubblicare di nuovo” un poco mi sorprende, un poco mi emoziona.

2. Sono anni che scrivo che secondo me per spiegare il presente veloce di oggi la narrativa è meglio della saggistica

3. Questo racconto l’ho scritto nel 2010, su una spiaggia radical chic del litorale tarantino, ma parla di temi che sono attuali nella cronaca oggi: giornalismo, intelligenza artificiale, algoritmi. Ma soprattutto imposta i problemi filosofici e morali di cui oggi si discute sui giornali

4. Due dei personaggi del racconto sono (liberamente) ispirati a Steve Jobs -che nel frattempo ci ha lasciati- e a Stephen Hawking (che 5 anni dopo avrebbe scritto le cose che ho fatto dire al personaggio da lui ispirato)

5. È un saggio travestito da racconto. O viceversa.

6. È stata l’occasione per lavorare di nuovo su una cover con quel gran genio del Grassilli dopo i tempi di 40k in cui ci siamo divertiti insieme a sbordare tutti gli schemi.
Ma è logico: non potrei mai più pubblicare qualcosa senza una cover di Grassilli.

7. Lo sto caricando su Amazon e se riesco sarà gratis, altrimenti al prezzo minimo (99c). In quel caso tutti i proventi andranno alla “Fondazione per le brutte foto di gatti belli” se qualcuno riesce a metterci Clay Shirky come presidente.

L’aggiornamento

Il librino è ufficialmente disponibile su Amazon. È gratis per i clienti Kindle Unlimited e non ho ovviamente messo i DRM. Per cui può scaricarlo uno e passarlo a tutti gli altri. Alcuni non utilizzano roba come Calibre eccetera quindi potrebbero trovare persino più economici i 99c rispetto al valore del loro tempo.
Alla fine uno usa il Kindle proprio perché semplifica la vita.

Ma se hai voglia, prendilo, scaricalo e buttalo anche sui canali peer to peer o se ti piace l’odore della carta stampalo per tua zia o tua nonna :)

Lo trovi qui, si intitola Ethobiome

Questa voce è stata pubblicata in Digital literacy, Future, Journalism, Politology, Publishing, Storytelling, Writing. Aggiungi ai segnalibri il permalink.

I commenti sono stati chiusi.