Il nuovo mondo reale. Un mondo senza stranieri

«Da quando è stato inventato il web», scrive Martin Valigursky, «molte delle cose che facevamo offline abbiamo cominciato a spostarle online».

Non è un tema nuovo, in un’altra vita ci avevo scritto un libro persino io.
Ma ricollegandosi in qualche modo al dibattito che avevamo seguito negli scorsi post, Valigursky si chiede se questo sia un aspetto negativo della vita moderna, se non ci porti a guardare lontano trascurando chi ci abita accanto.

E la sua risposta è netta: «Ora più che mai la tecnologia sta accrescendo la nostra abilità di connetterci e di collaborare nella vita reale, soprattutto nelle comunità locali, migliorando il nostro stile di vita e la vita del nostro vicinato».

Il ragionamento e gli esempi che fa per argomentare la sua prospettiva sono interessanti. E a me, provinciale che ricorda bene come vivevamo isolati dal centro e in modo rarefatto negli anni prima di internet, piace molto la sua definizione di «mondo senza stranieri».

Il titolo è, non a caso: Technology is Creating a World Without Strangers.

Certo, per alcuni di noi è facile -anche per abitudine e predisposizione a guardare avanti- immaginare che non vi sia una opposizione tra online e offline. Che non siano affatto due mondi diversi. E che vi sia, piuttosto, un completamento, un’aggiunta di potenzialità.

Ma -per parafrasare Paolini su Galilei- il XXI secolo ci obbliga continuamente a «ringiovanire il nostro pensiero». E non è affatto un’operazione semplice.

Così, magari, può interessarti riflettere sulla definizione di digitally dominant e chiederti, con Daily Bits, quale sia la tua posizione personale. Quale sia il tuo equilibro tra i due mondi.
Però prendila con le molle, perché è vero che tendiamo a ragionare per semplificazioni analitiche (e qualsiasi definizione lo è), ma spesso per trovare il nostro posto ci serve comprendere i toni di grigio. E il digitally dominant, raccontato così, somiglia troppo a una patologia.

Are You Digitally Dominant?

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Aggiungi ai segnalibri il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>