Il futuro dell’università, come potrebbe essere

Da tempo si ipotizzava qualcosa di simile: il digitale potrebbe mettere a disposizione degli studenti il meglio che offre l’insegnamento internazionale, senza i vincoli geografici.
Almeno teoricamente, tutti potrebbero accedere all’eccellenza di pensiero, senza doversi accontentare del pensiero locale. È un po’ la logica della rete, come dimostra anche il successo di format come TED.

Ma, se avevamo tutti i bit necessari per avvicinarci a questa idea, forse fino a questo momento erano mancate le energie, o il coraggio per tentare una operazione su grande scala e con grande qualità
Ieri, invece, proprio due colossi dell’eccellenza nell’insegnamento (MIT e Harvard) hanno presentato una partnership importante, una joint-venture per creare edX.

L’obiettivo è di offrire -gratis- corsi online. Ci sarà molto da capire su contenuti, accesso e metodologie (per ora si racconta l’annuncio), ma il New York Times ha un po’ di dettagli.
E l’Atlantic titola senza mezzi termini: The Single Biggest Change in Education Since the Printing Press.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Aggiungi ai segnalibri il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>