Il futuro dell’editoria in un singolo smile

futoro editoria In 140 caratteri: «L’editoria ha mantenuto strategie conservative. E ha perso» Tweet this!

È una curva, tecnicamente, quella della foto (clicca per ingrandire). Ma sembra uno smile.

E spiega perché «questa curva a forma di smile dimostra come con il digitale il valore si sta spostando dagli editori verso aziende che aggregano e rendono ricercabili i contenuti su una scala più ampia».

Ops. Mamma mi sono distratto e ho perso le distribuzione
È una cosa che ripetiamo spesso. Gli editori (di libri, di news), nonostante i consigli di gente brava che avevano all’interno e che li avvertiva -inascoltata-, si sono distratti. Hanno considerato il digitale come tecnicaglia e hanno difeso il loro vecchio business perdente della carta. Almeno sul medio lungo termine.
Lo hanno fatto perché quello sapevano fare. E cambiare richiede sforzo, energia, mentalità.

Spesso i dirigenti dell’editoria erano vicini alla pensione e hanno creduto di poter giocare la carta del «tengo in piedi quello che ho finché non vado via, poi saranno fatti di altri».

Solo che poi, con gli anni, il medio o lungo termine è diventato il presente molto in fretta. È diventato «un ritardo». E oggi la situazione è quella che descrive questa immagine: il valore si sta spostando ovunque tranne che sulle costosissime macchine editoriali.
Lezioni da imparare, suppongo. E tempi che cambiano.

La distribuzione (e non la professione o la produzione) è sempre stato il fattore competitivo. La fase del business in cui si facevano i ricavi. Come le grandi aziende musicali, gli editori hanno sottovalutato un sistema culturale che cambia e sono stati rimpiazzati da aziende che arrivavano dal tech.

Ma leggi il post e dedica qualche minuto a rifletterci: Differentiation and value capture in the Internet Age

Bonus link
Se hai voglia di studiare, poi, c’è questo pezzo di Digital Book World. Il titolo è: Five Digital Publishing Leaders Weigh in on Industry’s Future

Questa voce è stata pubblicata in Business, Future, Journalism, Publishing. Aggiungi ai segnalibri il permalink.

2 Responses to Il futuro dell’editoria in un singolo smile

  1. Pingback: Lettera Aperta a Casaleggio

  2. Pingback: Post hit! Un modello di editoria in crisi, Si cercano competenze digitali, #labuonascuola, e ora? | Laboratorio di Tecnologie Audiovisive

I commenti sono stati chiusi.