Il costo del giornalista

Ne parlava Margaret Atwood qualche giorno fa nella sua brillante presentazione al TOC. «Gli scrittori hanno bisogno di comprare il tempo per scrivere», diceva, oltre che comprare i sandwich al formaggio della slide che mostrava mentre divertiva la platea. Non è un tema nuovo, la retribuzione del lavoro autoriale è all’ordine del giorno, tra i problemi irrisolti, da quando la musica -per prima- è passata al digitale.

Una delle varianti del problema è la formulazione «sostenere i costi del giornalismo», che è il mantra degli editori di news. Le stanno provando tutte, abbonamenti, app, salti carpiati eccetera. Ma forse -io ne sono sempre più convinto- stanno cercando di ricostruire una retribuzione sul prodotto sbagliato, il giornale (o la rivista).

Sono entrambi prodotti pensati nella logica culturale e funzionale della carta. Nel digitale sono poco efficienti: sono tagliati per un pubblico medio, indiscriminato, danno moltissime informazioni inutili (utili per qualcuno, ma inutili per gli altri) eccetera. Tanto che il modo in cui li usiamo è: vado a pescarci quello che mi serve poi vado altrove. Se li pensiamo come contenitori, sono poco interessanti, troppo poco per spingere una massa critica sufficiente a pagare per informarsi.

Diverso è invece se guardiamo al lavoro del giornalista, che segue un avvenimento di cronaca che ci interessa o uno scenario che ci appassiona, o ancora un tema approfondito. Io ad un giornalista che mi fa risparmiare tempo e mi dà valore aggiunto con le informazioni, mi abbonerei. Ad un giornale no, meno che mai sull’iPad o in qualche app che mi costringe a star lì dentro.

E ci sono diversi segnali che mi fanno pensare che -prima o poi- qualcuno (singoli giornalisti o piccole organizzazioni per prime) comincerà a sperimentare la formula. Uno di questi segnali è l’ebook, che permette di lavorare su un prodotto giornalistico che prima non esisteva (la long-story, ne parla anche Luca). Il secondo è questa piattaforma di Google, che potrebbe abilitare blogger e microeditori a spostarsi dal versante amatoriale a quello professionale.

Sono congetture, ovviamente. Ma se la vedo da lettore e se guardo ai miei feed, ce ne sono un bel po’ per cui pagherei un abbonamento ragionevole che comprenda aggiornamenti quotidiani mirati e approfondimenti periodici.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Aggiungi ai segnalibri il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>