Idee che ispirano per un mondo migliore

È abbastanza fisiologico che accada. L’innovazione tecnologica è molto veloce e la nostra cultura molto più lenta ad assimilarla, ad imparare, a costruire consapevolezze più profonde di quelle intuitive.

E uno dei modi con cui l’innovazione viene adottata passa attraverso l’imitazione: vediamo qualcuno usare un nuovo strumento e iniziamo a usarlo. Vediamo come qualcuno utilizza qualcosa e proviamo a farlo nello stesso modo.
È un pattern (vicino a quello delle «comunità di pratiche») che abbiamo imparato a riconoscere sempre nella diffusione del digitale.

Ma spesso il «salto di qualità» si fa quando allarghiamo la prospettiva e cominciamo a pensare con un orizzonte più ampio, o iniziamo a pensare outside of the box.

Così è interessante vedere come il Guardian sceglie e seleziona dal «magico mondo del TED» le 10 idee che possono aiutarci a dar forma ad un mondo migliore. Tra le mie preferite c’è quella di Brené Brown sul gift of imperfection e mi piace assai lo slogan «sii vulnerabile, ma non debole», con tutto quello che c’è dietro.

Guarda tu stesso: 10 innovations that could help shape a better world.

Sempre in tema di pensiero meno convenzionale, può anche interessarti questo pezzo di SocialSamosa, che si intitola The Rise of the Machines in the Social Media Space e che a un certo punto ha un paragrafo che comincia così: «Aiutami, dimmi che devo fare, voglio tornare di nuovo umano».

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Aggiungi ai segnalibri il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>