#ENIvsREPORT | Appunti per stasera

Eni Report Blab In 140 caratteri: «Una discussione pubblica sul caso ENI contro Report. Link e istruzioni» Tweet this!

Del caso ENIvsREPORT avevamo scritto a caldo lunedì, ma se ne continua a discutere molto.

Così stasera ne parleremo alle 21:45 in un BLAB (una sorta di conferenza online, in cui alcuni parlano, ma soprattutto tutti gli altri interagiscono). Gran bello strumento.

Data la mia rozza spiegazione, Antonio ti racconta qui esattamente come funziona: The White Room, istruzioni per l’uso.
Non è necessario registrarsi, per accedere, ma è utile. E facile.

Ecco un po’ di appunti (e di link) per chi volesse partecipare in modo informato alla discussione.

1. Twitter è solo un attivatore
Dicevamo che se ne continua a discutere moltissimo, sui social e attraverso le condivisioni che da Twitter girano poi dappertutto. È un errore quindi cercare di fare un confronto sui numeri tra Twitter e la Tv generalista.
Su Facebook in proposito io ho commentato (al solito per non dimenticarmi quello che penso): «Twitter non è altro che un attivatore. Se vuoi misurare qualcosa di serio, devi misurare le decine (centinaia) di post, articoli e commenti che ne sono derivati.
A occhio la questione è arrivata a un range di persone -tra nipoti e nonne- che non sanno cos’è Twitter e che invece hanno letto o “scannato” la questione»

2. Link da leggere: Il derby tra social TV e TV tradizionale
Matteo Flora, in un pezzo su CheFuturo riporta alcune opinioni interessanti.
Uno dei takeaway: «È palese come Report sia stata palesemente presa in contropiede dalla mossa di Eni. Chiunque da oggi vorrà andare contro ad Eni dovrà sapere che l’azienda dispone di un palcoscenico attento e attivo per proporre la sua visione dei fatti…».
Matteo ricorda anche che all’estero ci sono stati casi simili, Ma l’Italia ha scala e abitudini differenti. E in ogni caso abbiamo visto, sempre per usare le parole di Matteo: «Una rete di influencer contro una rete di spettatori».
Lo trovi qui: Il primo derby della social tv: Eni vince gli influencers, Report gli altri (e la notizia sparisce)

3. Altri link per essere preparati
Oltre ai link citati nel mio post dell’altro giorno, ne sono seguiti tanti altri. Raccolgo i più interessanti.

a. Il pezzo di Repubblica che ha girato tantissimo (con intervista a Giovanni): Eni vs Report, la battaglia dei tweet: la contronarrazione online del gigante sfida la Gabanelli

b. L’articolo del Corriere: Eni, Report e il crollo del muro fra televisione e InternetEni, Report e il crollo del muro fra televisione e Internet

c. Lettera43: Onore a Eni, pioniera del contraddittorio social

d. Il Rottamatore: Il Sig. Bardazzi e la fine dell’epoca Gabanelli

e. ENI vs Report. Quando a vincere è una squadra solida e ben preparata

f. Il post di Pier Luca che raccoglie – tra l’altro- uteriori link: Il Social Media Marketing Parte dall’Interno dell’Organizzazione

4. Un tipico esempio di debunking delle inchieste a tesi di Report
È quello sul cibo per cani e gatti di cui parlavo lunedi: è il cassico post che le persone ben informate scrivono “dopo” una puntata di Report per smontare le teorie costruite “contro i cattivi”.
Come nutrire Fido e Fuffy: opinione ragionata di una biologa non d’assalto

5. Come seguirci stasera
Il titolo è: #ENIvsReport: un punto di svolta? #TheWhiteRoom @gg @giorgiojannis @mafedebaggis.

Basta collegarsi qui alle 21:45

Questa voce è stata pubblicata in Business, Digital literacy, Education, Future, Journalism, Storytelling. Aggiungi ai segnalibri il permalink.

2 Responses to #ENIvsREPORT | Appunti per stasera

  1. Pingback: Post-it - DataMediaHub

  2. Pingback: Il (possibile) suicidio di Twitter » Giuseppe Granieri

I commenti sono stati chiusi.